IL PROGETTO

IL PROBLEMA AFFRONTATO:

Il territorio del Vimercatese, sebbene abbia un passato unitario di lunga data, oggi non ha un’immagine ben identificabile agli occhi dei cittadini e solo una parte minima di questi fruisce degli spazi aperti liberi da costruzioni, benché essi costituiscano il 71% della superficie complessiva e siano un elemento caratterizzante proprio del Vimercatese nel panorama superurbanizzato della Brianza milanese. L’uso degli spazi aperti è concentrato nell’ambito dei parchi pubblici attrezzati e, in misura minore e occasionale, all’interno dei parchi naturalistici sovracomunali. La campagna è poco conosciuta e la percorrenza dei sentieri per medi e lunghi tragitti è scoraggiata dalla mancanza di segnalazioni di direzione e dalle scadenti condizioni di manutenzione del fondo stradale.


OBIETTIVI E CONTENUTI :

Gli obiettivi sono:
- mettere in luce l’unitarietà e la qualità del territorio Vimercatese attraverso un percorso ciclabile guidato che sfrutti principalmente la rete dei sentieri di campagna esistenti, quindi a costi di realizzazione praticamente nulli e con la possibilità di raggiungere l’obiettivo in tempi brevissimi;
- creare una rete di rapporti tra le numerose associazioni locali che, normalmente, si occupano di tematiche ambientali e storiche solo alla scala del singolo comune di appartenenza.
Il progetto nasce dalla considerazione dell’unitarietà storica, culturale e ambientale del territorio che fa perno su Vimercate, importante centro urbano già in epoca romana e capo-pieve diocesana nel Medioevo. Questo territorio conserva ancora oggi i segni del proprio passato rurale, e in particolare la fitta rete di sentieri e strade campestri che marcano ciascun comune e connettono i vari comuni tra loro. Per questo si è pensato di unire i 20 comuni appartenenti all’antica Pieve con un anello ciclabile, lungo oltre 40 chilometri, per la maggior parte percorribile su sentieri di campagna.


PRINCIPALI DESTINATARI:

I beneficiari del progetto saranno i più di 170.000 cittadini residenti nell’ambito della storica Pieve (che comprende i comuni di Agrate Brianza, Aicurzio, Arcore, Bellusco, Bernareggio, Brugherio, Burago, Camparada, Caponago, Carnate, Carugate, Cavenago, Concorezzo, Lesmo, Mezzago, Ornago, Ronco Briantino, Sulbiate, Usmate-Velate e Vimercate), oltre a tutti i residenti nel circondario e potenzialmente anche agli abitanti di Milano e Monza, che potranno facilmente raggiungere il percorso ciclabile grazie alle linee ferroviarie (le stazioni di Arcore e Carnate sono volutamente toccate dall’anello ciclabile).


I TEMI DELLA PROPOSTA:

Il percorso storico-naturalistico attraversa varie zone, ognuna con una propria specifica caratteristica, attraverso vari parchi locali di interesse sovracomunale (Parco del Molgora, Parco del Rio Vallone, Parco della Cavallera, Parco dei Colli Briantei), centri storici ricchi di castelli, chiese, ville e abbazie, testimonianze di vita contadina e di architettura rurale, boschi e campi coltivati e memorie storiche e artistiche.
Mentre si ossigenano i polmoni, si fa un pieno di storia, di arte e di cultura!


CARATTERE INNOVATIVO DELL'EVENTO:

In tale contesto territoriale il carattere innovativo consiste nel far lavorare in rete le associazioni locali (almeno una per ogni centro abitato), unite dall’obiettivo comune di valorizzare una rete di percorsi ormai dimenticata e frammentaria, per ridare vita ad un “sistema sentieristico” del Vimercatese fruibile da chi ama l’escursione in bicicletta. Il progetto risulta inoltre decisamente urgente, poiché i sentieri di campagna stanno lentamente scomparendo (spesso arati dagli stessi agricoltori o interdetti al passaggio dai privati mediante sbarre o steccati) o si stanno degradando al punto da non essere più utilizzabili. Altrettanto innovativa è l’idea di creare con questo progetto un servizio di così vasta portata a fronte di una spesa minima, che si riduce in pratica alla sola posa dei cartelli segnaletici e alla pubblicazione di una guida tascabile. Le energie infatti, anche quelle economiche, verranno spese non per “costruire” qualcosa di nuovo, ma per far conoscere e promuovere qualcosa che già esiste, motivo per cui risulta indispensabile la cooperazione delle associazioni e degli enti locali.


LIVELLO DI INTEGRAZIONE CON ALTRE INIZIATIVE
:

Il progetto è ormai avviato e in fase avanzata, grazie al contributo di 10.000 euro stanziato dalla “Fondazione della Comunità di Monza e Brianza” e ai singoli contributi ricevuti dai comuni interessati, la maggior parte dei quali ha già aderito all’iniziativa. In prospettiva più ampia, il progetto intende rilanciare la lunga tradizione storica, culturale e religiosa dell’antica Pieve di Vimercate, mettendone in luce le ricchezze e le potenzialità del paesaggio locale, ed essere di stimolo alle amministrazioni comunali onde favorire gli interventi di tutela e di organizzazione dei tracciati stessi, secondo un criterio logico d’insieme anziché per brani scollegati.
Il progetto si integra con altre iniziative partecipanti al Bando “La città di città”, in corso nel Vimercatese, da parte di Agintec (“Museo diffuso del territorio Vimercatese”), CEM Ambiente (“Mobilità lenta: sviluppo e valorizzazione dell’est milanese”), Comuni di Arcore, Camparada e Usmate-Velate (“Percorsi ciclopedonali all’interno del PLIS dei Colli Briantei), Anna Moretti ed Ecopolis (“Rete ciclabile intercomunale nei comuni del nord-est milanese”); il progetto entra inoltre in sinergia con il lavoro svolto nell’ambito dai PLIS del Parco del Molgora e del Parco del Rio Vallone (già esistenti), e del Parco della Cavallera e del Parco dei Colli Briantei (in corso di costituzione). A proposito di questi due nuovi parchi, il “Comitato Parchi della Brianza Vimercatese”, di cui l’associazione “Amici della storia della Brianza” fa parte, ha già organizzato due biciclettate conoscitive nel maggio 2006 (Parco della Cavallera) e nel settembre 2006 (Parco dei Colli Briantei).

GENERATIVITA’ :

La creazione in tempi brevi del percorso favorirà la frequentazione dei sentieri di campagna, la conoscenza del territorio agricolo e delle opere d’importanza storico-architettonica presenti nei centri storici, il piacere stesso dello spostamento in bicicletta. Tutto ciò porterà un maggiore interesse per le tematiche ambientali e culturali, nonché per la mobilità ciclabile, favorendo quindi la creazione del consenso necessario ad affrontare i cospicui investimenti per l’attuazione del “Progetto PEDALARE” di Agenda 21, in corso di sviluppo da parte del Coordinamento Sviluppo Sostenibile del Vimercatese e Trezzese, per favorire gli spostamenti casa-lavoro e casa-scuola in bicicletta. La conoscenza del territorio, e in particolare dell’ambiente aperto agricolo e naturalistico, sensibilizzerà l’opinione pubblica locale anche nei confronti della creazione di nuovi corridoi verdi per mettere in comunicazione fra loro le aree di maggior pregio ambientale, di cui solo una parte oggi è compresa nell’ambito dei PLIS esistenti o in corso di costituzione.


IL SISTEMA DEGLI ATTORI

ATTORI COINVOLTI:

1. Associazione “Amici della Storia della Brianza Onlus”, costituita nel 1999, la cui finalità principale è quella di far conoscere e valorizzare il territorio della Brianza nelle sue componenti storiche e culturali: arte, letteratura, tradizioni, storia e folclore. L’associazione, che conta un centinaio di soci, molti dei quali vantano una vasta esperienza di studio, di ricerca, di raccolta e di attività sul campo, pubblica la rivista “La curt” e organizza conferenze storiche, visite guidate e concerti di musica classica in chiesette e oratori.

Gruppo di lavoro:

- Giorgio Federico Brambilla, architetto e presidente dell’Associazione Amici della Storia della Brianza, autore del libro “Paesaggio rurale, cascine e case a corte del Parco del Molgora e della Brianza vimercatese”. In qualità di ideatore e responsabile del progetto, sta coordinando il gruppo di lavoro e tenendo i contatti con le amministrazioni comunali e le associazioni locali.

- Prof. Angelo Arlati, socio dell’Associazione “Amici della Storia della Brianza”, autore di vari libri, tra cui “Bellusco nella storia, nell’arte e nella fotografia”. Tiene i contatti con le amministrazioni comunali della zona nord-est del Vimercatese e sta curando i testi per la guida tascabile.


- Dott. ing. Susanna Comi, neolaureata in ingegneria ambientale, ha condotto lo studio sul campo del percorso e sua traduzione grafica su supporto digitale, e sta curando la descrizione scritta del percorso da pubblicare nella guida tascabile.


- Dott. arch. Valentina Nazzaro, neolaureata in architettura, sta curando i rapporti con enti, associazioni, amministrazioni comunali e sponsor e svolgendo funzioni di segreteria e redazione materiale divulgativo.


2. “Comitato Parchi della Brianza Vimercatese”

3. 20 comuni facenti parte dell’antica Pieve di Vimercate (v. voce Principali destinatari)

4. PLIS del parco del Molgora e del Parco del Rio Vallone

5. Associazioni locali aventi finalità di divulgazione storico-culturale (Archivio storico di Concorezzo, Pro Loco di Bellusco), di promozione dell’uso della bicicletta (Arcore ciclabile), ecc.

6. Studiosi di storia locale impegnati a sviluppare i testi relativi ai singoli comuni illustrati nella guida (prof. Giuliano Bonati per Concorezzo, prof. Gianni Magni per Usmate-Velate, dott. Luca Maggioni per Carugate, ecc.)


IL LIVELLO DI COINVOLGIMENTO RAGGIUNTO:

- Coinvolgimento dei 20 comuni: sono stati presi contatti epistolari e telefonici con tutti i comuni per individuare presso ogni amministrazione comunale un interlocutore amministratore (sindaco o assessore) ed un funzionario. Inoltre, l’architetto Brambilla e il prof. Angelo Arlati hanno già incontrato personalmente oltre la metà dei referenti individuati. La maggior parte dei comuni interessati hanno già aderito ufficialmente al progetto erogando anche un contributo economico.

- Coinvolgimento di almeno un’associazione di volontari in ogni comune: che possa organizzare praticamente in loco la conferenza di presentazione del progetto, la distribuzione della guida tascabile, la messa a dimora dei cartelli segnaletici e la biciclettata d’inaugurazione del percorso.

- Ricerca degli sponsor: ha già portato all'adesione della Banca di Credito Cooperativo di Carugate.
L'associazione è alla ricerca di altri sponsor per la pubblicazione di un volume turistico sulla Brianza vimercatese.

Iniziative già svolte nel 2007:

- biciclettata lungo il tracciato ad anello lungo 40 km, organizzando la partenza in contemporanea dei gruppi di ciclisti da ognuno dei 20 comuni della Pieve e la loro convergenza a Vimercate, nel centro della Pieve, presso la chiesa plebana di Santo Stefano

- pubblicazione di 4.000 copie della guida tascabile pieghevole con l’illustrazione del percorso e degli elementi interessanti sotto il profilo ambientale, architettonico e storico-culturale presenti nei singoli comuni